Come rendere la casa e la tavola più accoglienti per la Pasqua 2021: le collezioni

É bello organizzare una deliziosa colazione in famiglia oppure un vero e proprio brunch in occasione della Pasqua. O anche il tradizionale pranzo pasquale, con tanto di uova sode benedette e le immancabili uova di cioccolato per i bambini. Sì, è bellissimo organizzare piccoli momenti da vivere in famiglia. 

È importante però riuscire a rendere la casa e la tavola più accoglienti, ricchi di fascino, per poter vivere momenti così meravigliosi. 

Come rendere la tavola più accogliente e bella in occasione della Pasqua

Villeroy & Boch ha creato l’Annual Easter Edition, una collezione in edizione limitata di piatti, ciotole, tazze, portauova, è senza dubbio perfetta per rendere più accogliente ed elegante la tavola durante le feste .Si tratta infatti di veri e propri pezzi da collezione realizzati con materiali finissimi e pregiati, impreziositi con un bordo dorato che conferisce ulteriore eleganza, decorati in modo davvero incredibile, con temi primaverili. 

Acquistare un pezzo di questa collezione è come acquistare una piccola opera d’arte, per la sua bellezza, certo, ma anche perché inserito in una confezione esclusiva, singolarmente. Si tratta proprio per questo motivo di pezzi che vale la pena acquistare anche da donare a parenti, amici, colleghi e conoscenti. Così è possibile riuscire a fare breccia in ogni cuore e regalare un po’ di serenità durante questa strana a Pasqua che ci apprestiamo tutti quanti a vivere. 

Come rendere la casa più accogliente 

Sono così tanti i piccoli elementi che possono essere inseriti in casa per renderla più accogliente, non solo quelli dedicati esclusivamente alla tavola. Villeroy & Boch ha deciso ad esempio di firmare la collezione Bunny Tales, composta da decorazioni in porcellane che richiamano i temi tipici della Pasqua e della primavera. Si tratta di tanti dolci coniglietti che portano avanti una tradizione antichissima, quella della decorazione delle uova. Le fantasie sono irresistibili, realizzate in colori tenui e delicati, e questi coniglietti sembrano appena usciti da una favola, con i vestiti che calzano a misura, con le lunghe orecchie, gli occhi grandi e incantati. Alcune di queste decorazioni nascono per essere appese, così da poter creare una ghirlanda oppure un vero e proprio albero di Pasqua. È anche possibile decidere di appenderle alle travi presenti in casa e ad ogni altro elemento a sospensione che si riesce a scovare, così da farle scendere dall’alto in modo estremamente affascinante. 

Non solo Pasqua, come rendere la tavola e la casa accoglienti in primavera

Durante questo periodo dell’anno, non esiste di certo solo la Pasqua. Questo è un periodo davvero speciale, quando la primavera arriva e il mondo fiorisce, con colori tenui e allo stesso tempo luminosi, quando molti animali escono dal loro letargo pronti ad esplorare il mondo e l’aria si fa frizzante e calda. È un periodo che merita di essere festeggiato ogni giorno, di certo non solo durante la giornata di Pasqua. Villeroy & Boch ha deciso di dare vita ad altre due meravigliose collezioni. 

La Spring Awakening è composta da bicchieri con manico, piatti da torta, tazze da tè e caffè in varie dimensioni con piattino, ciotola, vasi per i fiori, portauova, runner e tovagliette, oltre che molte delicatissime decorazioni. Sono pezzi semplici, che possono essere inseriti in casa quotidianamente, nati per essere utilizzati più e più volte. Sono pezzi che sanno parlare di primavera, con i loro meravigliosi colori e il design floreale e con quelle forme tondeggianti e leggere che hanno semplicemente dell’incredibile. 
Bellissima, infine, anche la Colourful Spring, che si caratterizza per la presenza di due tra i simboli in assoluto più amati della primavera. Su questo servizio è infatti presente il bucaneve, che è il primo fiore a sbocciare con la bella stagione, il fiore che esce direttamente dalla neve non appena le temperature si fanno più miti. Il bucaneve è poi accompagnato da deliziose farfalle in procinto di volare lontano, in ogni possibile colore. 

Come vestirsi per un primo appuntamento

Il ragazzo che incontrate ogni giorno al bar vi ha finalmente chiesto di uscire? Il vostro migliore amico si è accorto di voi e vi ha invitate a cena fuori, tanto che vi sentite un po’ come Lorelai e Luke di Una Mamme per Amica? Quell’uomo così affascinante che avete incontrato su Incontri.es ha deciso che vuole vederti di persona? Chiunque sia il tuo spasimante, è arrivato per te il momento di scegliere l’outfit per il vostro primo appuntamento.

Ecco qualche consiglio per evitare di commettere errori:

  • Sentirsi a proprio agio. Ogni donna ha nell’armadio dei capi di abbigliamento con cui si sente del tutto a proprio agio. Sono capi di abbigliamento confortevoli, che riescono a valorizzare al meglio il corpo e che riescono anche a rispecchiare il proprio modo di essere, la propria personalità. Sentirsi a proprio agio durante un primo appuntamento è importante. Ad un primo appuntamento c’è infatti sempre molta tensione, è normale sentirsi del tutto inadeguati, non si comprende appieno ciò che l’altro pensa e si crede che tutti gli occhi del mondo siano puntati su di noi. Sentirsi a proprio agio consente di allentare un po’ la tensione e di riuscire a vivere in modo piacevole questo incontro. Questo è vero, ma è vero anche che è necessario cercare di essere belle e sensuali. Se tutti i capi di abbigliamento che vi fanno sentire a vostro agio sono super sportivi, forse è meglio optare per qualcosa di diverso. In questo caso, scegliete solo una maglia o dei pantaloni e cercate qualcosa che si abbini alla perfezione creando un look un po’ più ricercato.
  • Un abito nuovo per il primo appuntamento? Meglio di no! Molte donne credono che un abito nuovo sia la scelta ideale, qualcosa da acquistare appositamente per l’occasione, da scegliere in base alla tipologia di uomo e di serata. In realtà non è detto che questa sia una scelta adeguata. Indossando un abito nuovo potreste scoprire di non essere a vostro agio quando ormai la serata ha preso il via. Oppure potreste scoprire che ha qualche difetto quando ormai è troppo tardi per cambiarsi. Consigliamo questa opzione quindi solo nel caso in cui l’appuntamento sia tra qualche giorno, magari persino tra una settimana, e abbiate la possibilità quindi di controllare con tutta calma il vestito a casa e magari anche di indossarlo per una giornata intera.
  • Valorizzare i propri punti di forza. Se volete essere sensuali e belle, dovete necessariamente a valorizzare i vostri punti di forza. Avete delle gambe da mozzare il fiato? Vietato nasconderle. Una bella minigonna e il gioco è fatto! Avete un décolleté da far valida a qualsiasi altra donna al mondo? Allora è questo il dettaglio che dovete evidenziare con uno scollo ad hoc, profondo e sexy. Valorizzare i propri punti di forza va bene, ma ricordate di non essere eccessive. Una minigonna che fa intravedere il sedere o uno scollo troppo, davvero troppo profondo potrebbero rendervi volgari agli occhi dell’uomo che state cercando di conquistare.
  • No ai tacchi vertiginosi. Sui tacchi vertiginosi è necessario saper camminare alla perfezione, pena il rischio di apparire come un elefante al vostro primo appuntamento anziché come una meravigliosa modella alle prese con una passerella. A nostro avviso però i tacchi vertiginosi sono una scelta un po’ azzardata per il primo appuntamento anche nel caso in cui sappiate camminarci benissimo. Potreste infatti aver valutato male l’altezza del vostro partner e potreste quindi metterlo in imbarazzo. Oppure potreste non aver capito che l’appuntamento necessita di un look un po’ più sbarazzino, magari perché è prevista una camminata nel verde oppure una partita a minigolf.
  • Make up e capelli. Per un primo appuntamento i capelli dovranno essere in perfetto ordine e dovrai avere un make up capace di valorizzare il tuo volto. Vero, ma niente eccessi! Il rischio infatti è di ottenere un look forzato, volgare e poco affascinante. Inoltre se non siete abituate ad indossare chili e chili di fondotinta o rossetti di un rosso fiammante, perché dovreste iniziare proprio adesso? Meglio un look ricercato ma semplice, possiamo assicurarvelo.

Il colore degli anni 70

Per me, l’autunno richiama gli anni settanta.
Strana associazione mentale, diranno in molti.
Eppure, a pensarci, il virare verso il rosso e il mattone delle chiome degli alberi, il giallo caldo e con sfumature improvvise di arancio delle foglie cadute, ricordano le tonalità più in voga di quegli anni. Cappelli a falda larga, morbidi velluti, gonne a pieghe e stivali. Tutti nei colori autunnali del giallo senape, del marrone, dell’arancio.
Si sa, la nostalgia ha il potere di far ricordare le cose ben più belle di come le vedevano all’epoca, in diretta. E, per fortuna, anche di cancellare dalla memoria certe mode esasperate, spesso oltre il limite del buon gusto. Ma in me prevale, sempre e comunque, la sensazione avvolgente del calore di un maglione lavorato con della bella lana grossa, ovviamente nei colori della terra.
Prima o poi andrò a New York nel periodo del foliage. Guarderò le foglie volare con strane traiettorie prima di arrivare a terra e assaporerò il piacere di calpestare un tappeto di foglie cadute. Son sicura che mi vestirò come Diane Keaton in “Io e Annie”,

anche se cercherò fino allo sfinimento un trench (almeno) simile a quello indossato da Meryl Streep in ““Kramer contro Kramer”.
Nell’attesa di quel momento, mi godo le atmosfere autunnali delle strade della mia città e mi diverto a cercare oggetti che siano in sintonia con il mio stato d’animo e con lo spettacolo della stagione che viene.

Di Mariangela Mestieri