Autopalpazione al seno: come farla correttamente

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

I percorsi di screening sono molto importanti, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione di malattie oncologiche come il tumore al seno. Le donne, oltre ai controlli con i medici specialisti, possono effettuare autonomamente un primo screening personale per la prevenzione del tumore al seno tramite l’autopalpazione.

Controllare regolarmente il proprio seno può favorire una diagnosi precoce del tumore alla mammella, aumentando notevolmente le possibilità di sopravvivenza. La sopravvivenza delle donne colpite da tumore al seno a 5 anni dalla diagnosi e dai trattamenti è di circa il 98%1. Per essere efficace, l’autopalpazione deve essere effettuata correttamente seguendo alcuni passaggi fondamentali.

Prima di iniziare la palpazione bisogna osservare il seno per qualche minuto di fronte ad uno specchio, mantenendo le braccia lungo i fianchi. In questa posizione bisogna osservare se le mammelle presentano un profilo anomalo, affossamenti, sporgenze, alterazioni di colore e della forma dei capezzoli. La stessa osservazione deve essere fatta a braccia alzate.

A questo punto si può iniziare l’autopalpazione. Inizialmente si porta un braccio sopra la testa e con la mano libera si tasta la mammella mantenendo le dita tese, cercando l’eventuale presenza di irregolarità nel tessuto (indurimenti o inspessimenti) o masse anomale. In seguito si effettua lo stesso procedimento dall’altro lato.

A questo punto ci si sdraia sul letto, appoggiando spalle e testa sul cuscino. Si porta dietro la testa un braccio e, mantenendo dita e mano appiattite, si effettua la palpazione della mammella con movimenti circolari partendo dall’esterno e arrivando al capezzolo. Non bisogna dimenticare di effettuare la palpazione anche nell’incavo dell’ascella, dove possono presentarsi dei noduli.

Infine bisogna stringere delicatamente il capezzolo tra l’indice e il pollice per verificare se si presentano delle fuoriuscite di liquidi e controllarne eventualmente il colore.

Questo controllo deve diventare un appuntamento regolare da ripetere almeno una volta al mese. Se le donne che effettuano l’autopalpazione hanno ancora il ciclo mestruale è bene effettuarla alla fine di questo periodo, quando il seno è più morbido e meno sensibile.

Se si rilevano alcune anomalie, come noduli, infossamenti o fuoriuscita di liquidi, bisogna immediatamente rivolgersi al proprio medico. Non si devono sottovalutare queste anomalie, ma non bisogna nemmeno allarmarsi subito prima di effettuare tutti i controlli del caso. I medici sottolineano l’importanza di screening mirati, soprattutto per le donne che hanno familiarità con casi di tumore al seno o tumore alle ovaie. Oltre ad ecografia e mammografia è possibile effettuare dei test genetici per le mutazioni dei geni BRCA, che associati all’insorgenza del 5-10% di casi di tumore al seno e del 15% di tumore ovarico2,3.

Per ulteriori informazioni sui test genetici BRCA: www.brcasorgente.it

Fonti

1.airc.it
2. Campeau PM, Foulkes WD, Tischkowitz MD. Hereditary breast cancer: New genetic developments, new therapeutic avenues. Human Genetics 2008; 124(1):31–42
3. Pal T, PermuthWey J, Betts JA, et al. BRCA1 and BRCA2 mutations account for a large proportion of ovarian carcinoma cases. Cancer 2005; 104(12):2807–16

Cimici asiatiche: come debellare l’invasione

Insetti estremamente fastidiosi ed invadenti ma del tutto innocui sia per l’uomo che per gli animali, le cimici asiatiche, o Halyomorpha halys, sono originarie del sud-est asiatico, Cina meridionale e Giappone, e sono state avvistate per la prima volta un paio d’anni fa nei pressi di Modena. È difficile risalire con esattezza a come possano essere riuscite ad arrivare nel nostro Paese. Con buona probabilità sono approdate in Italia attraverso qualche container per il commercio internazionale, in modo più o meno analogo a quanto accaduto negli anni Novanta con le famigerate zanzare tigre, anch’esse originarie del sud-est asiatico.

Il caldo umido ha favorito la proliferazione e l’invasione di questi insetti che, a differenza dei classici esemplari nostrani di colore verde, hanno corazze dalla sfumatura che va dal grigio marmorizzato al marrone scuro. 

Non si tratta di insetti pericolosi. Non trasmettono né virus né malattie. Si possono rivelare dannose per le coltivazioni di frutta ed ortaggi, ma non per l’uomo o per gli animali in modo diretto. Le cimici asiatiche, quindi, non arrecano alcun danno alla salute, emanano semplicemente un odore estremamente sgradevole se importunate e rilasciano una specie di liquido oleoso se schiacciate, che tende a macchiare le pareti e le superfici di scale, sottoportici ed ingressi di abitazioni.

A differenza della specie autoctona di colore verde, le cimici asiatiche attaccano principalmente gli alberi da frutto e si diffondono con estrema rapidità.

Oltre ai grossi danni, non ancora quantificati, provocati al comparto agricolo, ci sono disagi non indifferenti creati alle abitazioni. Convivere con le cimici cinesi non è facile, in quanto chiudere porte e finestre non basta per tenerle lontane. Pare, infatti, che questi insetti riescano agevolmente ad intrufolarsi attraverso le battute delle finestre. L’uso di zanzariere è, pertanto, una soluzione parziale.

Le cimici asiatiche stanno rapidamente colonizzando le aree urbane in cerca di riparo dal freddo e dalla pioggia, annidandosi pressoché ovunque, dalle dispense alle stufe, dagli armadi ai caminetti ed in ogni anfratto di casa. Molti iniziano ad invocare interventi dall’alto di disinfestazione aerea con elicotteri per cercare di debellare l’invasione delle cimici asiatiche.

In natura, le cimici sono generalmente preda di uccelli ed animali che si nutrono di insetti, ma considerando la rapida proliferazione tuttora in atto, i volatili pare che non riescano ad assolvere pienamente al loro compito.

Per allontanare le cimici si sconsiglia l’uso dei comuni insetticidi chimici disponibili nei supermercati, che, tra l’altro, possono rivelarsi dannosi per l’uomo. Potete provare ad armarvi di scopa e paletta, catturare le cimici una ad una e metterle in secchi pieni di acqua e detersivo per piatti, soluzione, questa, che pare riesca a sciogliere le squame protettive che ricoprono le loro piccole corazze, facendole annegare nell’arco di poco tempo. Ma è consigliabile affrontare queste emergenze rivolgendosi a servizi specializzati in disinfestazioni come Yougenio.

Le cimici asiatiche sembrano essere resistenti ai tradizionali rimedi naturali fai da te, come, ad esempio, foglie di alloro, bicarbonato di sodio ed erba gatta.

Se cercate una soluzione veramente efficace contro le cimici asiatiche, il consiglio è quello di affidarsi a professionisti specializzati per un’operazione di disinfestazione completa, con prodotti e macchinari ad hoc. Segnaliamo, a tal proposito, se abitate in Lombardia, il nuovo servizio di disinfestazione a Milano di Yougenio, prenotabile online.

Test prenatale non invasivo: ecco i consigli su come sceglierlo

A cura di: Ufficio stampa Sorgente Genetica

 

Quando si è in dolce attesa, molte sono le scelte da fare per salvaguardare il benessere di gestante e nascituro. Oltre a intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato è importante sottoporsi a controlli regolari e anche a test prenatali come il test del DNA fetale.

 

Il ginecologo consiglia vari esami da fare in gravidanza, fra cui i test di screening prenatale non invasivi, che consentono di conoscere in anticipo lo stato di salute del nascituro già dalle prime settimane di gravidanza. I futuri genitori spesso non sanno decidere con facilità quale dei vari test di screening fare. Leggi tutto “Test prenatale non invasivo: ecco i consigli su come sceglierlo”

Aziende e internet: non tutti sfruttano le potenzialità della rete

Molte aziende sottovalutano l’apporto che la rete internet potrebbe dare al proprio business. E’ una questione di approccio mentale, non solo tecnologico.

 

Sono passati moltissimi anni da quando, nel lontano 1994, il visionario imprenditore sardo Niki Grauso, lanciava la sua Video on line. Un investimento pubblicitario milionario fatto di paginate su riviste e giornali, spot in televisione, affissioni in tutte le città italiane. L’idea di una rete che mettesse in connessione case, servizi, aziende. Ricordate fino a pochi decenni fa cosa significava solo avere un orario dei treni?

Leggi tutto “Aziende e internet: non tutti sfruttano le potenzialità della rete”

Ricordi di matrimonio: come sistemarli con un album foto digitale

Se già gli album di fotografie sono tra gli oggetti più preziosi che abbiamo a livello affettivo, che dire riguardo a quello del giorno più importante della nostra vita? I ricordi del proprio matrimonio vanno custoditi con cura e sistemati in un prezioso album a cui dedicare un posto d’onore nel salotto di casa. Ma se il budget è ridotto e stai cercando idee per creare un album di foto online, di qualità e a un prezzo conveniente, ecco la soluzione: un software per creare album foto, da scaricare direttamente dal sito di  Fotolibro Cewe, una delle aziende più famose del web per quanto riguarda le stampa digitale. A questo punto non resta che fare una selezione delle foto migliori –e indispensabili- da inserire in un album foto di matrimonio. Ecco alcuni consigli.

Leggi tutto “Ricordi di matrimonio: come sistemarli con un album foto digitale”